E tu, che mentalità hai?

Questo 2016 sarà per me decisivo per quanto riguarda la formazione professionale e personale. Sto infatti seguendo un interessante corso di Business Coaching che mi sta dando tantissimi spunti interessanti per una migliore gestione della mia attività. Uno dei temi affrontati che ha particolarmente attirato la mia attenzione è la questione della mentalità.

Esistono due tipi di mentalità: fissa o di crescita. Da una parte, chi ha una mentalità fissa (fixed mindset) ritiene che il successo e le prestazioni dipendano da un’abilità naturale, un talento intrinseco. Si tratta di persone che hanno difficoltà ad assumere rischi, hanno paura del fallimento, sono molto dubbiose. Dall’altro lato abbiamo chi ha una mentalità di crescita (growth mindset) e che pertanto ritiene che il successo e le prestazioni siano direttamente correlate allo sforzo impiegato per portare a termine una data attività. Si tratta di persone più aperte, disposte ad accettare rischi e nuove sfide e soprattutto desiderose di imparare e migliorarsi.

Va da sé che l’ideale sarebbe avere una mentalità di crescita. L’apertura mentale aiuta molto sia nella vita privata che sul lavoro. E a maggior ragione credo aiuti se il soggetto in questione è un libero professionista. Perché dico questo? Perché un lavoratore freelance, per la natura stessa della propria attività, è costantemente “costretto” ad affrontare nuove sfide, a mettersi continuamente in gioco, a reinventarsi, proiettato verso il futuro. Quindi avere una mentalità fissa in questo caso potrebbe decisamente essere un fattore limitante. Chi non è disposto ad assumersi rischi, a provare e riprovare, a cercare nuove vie e alternative, a voler imparare giorno dopo giorno, probabilmente non è adatto per il lavoro da freelance. Al contrario, una mentalità aperta permette di trovare sempre nuovi spunti e opportunità, permette di saper gestire situazioni molto diverse e anche difficoltose, permette di assumersi dei rischi e di uscirne sempre a testa alta, comunque vada.

Io personalmente credo di essere un ibrido, nel senso che, da freelance, amo le sfide, amo imparare cose nuove e mettermi continuamente in gioco. D’altro canto, però, temo un po’ le situazioni più critiche e assumere dei rischi in determinate circostanze. Credo che il fatto di avere una famiglia e dei figli sia un fattore che incide molto su questo aspetto. Come molte altre mamme imprenditrici, non sono sola, ho delle responsabilità verso due creature ancora piccole, non posso quindi permettermi di rischiare troppo e magari causare difficoltà a chi mi sta intorno.  Ogni scelta va pensata bene, ponderata, valutata attentamente. Ma, si sa, fa parte del gioco, no?

Ad ogni modo, sappiate che è sempre possibile migliorarsi e quindi anche trasformare una mentalità fissa in una mentalità di crescita. Certamente non è cosa facile, richiede un grande sforzo e soprattutto un’enorme consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti. Ma se si vuole, tutto si può! 

Per approfondire l’argomento, vi suggerisco il sito web Mindset che contiene idee e spunti davvero interessanti da cui partire per una riflessione su sé stessi e la propria mentalità.

E voi, che mentalità avete, fissa o di crescita? Vi propongo questo test per scoprirlo 🙂

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...